Il successo delle Adozioni in Vicinanza per i bambini italiani

You may also like...

8 Responses

  1. daniela ha detto:

    penso che sia esattamente come i tanti altri modi (comprese le adozioni a distanza) per far arricchire qualcuno che di certo non ha problemi di sopravvivenza. si sottolinea la necessità di mandare i bambini al nido: ma se i genitori non lavorano, perché mai i piccoli dovrebbero crescere con estranei? per stare con i coetanei? mi pare vi siano ancora cortili, parchi e strutture pubbliche (anche se poche) per farli stare in compagnia. spiacente, non riesco proprio più a fidarmi di chi mi chiede soldi. piuttosto preferisco preparare pranzi e cene e invitare chi ha necessità reali.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +7 (from 7 votes)
    • Luca Taborelli ha detto:

      Ciao Daniela! Purtroppo ci sono persone disoneste che approfittano della generosità degli altri, ma non dimentichiamo che ci sono anche tante associazioni serie che lavorano ogni giorno con impegno per aiutare i bambini in Italia e nel mondo. Tieni conto che non tutti i lavori sono pagati bene: ci sono tante mamme e papà costretti a lavorare per poche centinaia di euro al mese, magari in nero. Le spese sono tante: la casa, le bollette, il cibo, i vestiti.. non sempre ci sono nonni o amici in grado di curare i piccoli quando si lavora e come puoi immaginare poter contare su un aiuto economico per sapere che il proprio figlio è al sicuro all’asilo, è qualcosa di davvero importante.

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +3 (from 3 votes)
  2. Mango ha detto:

    Non mi è chiaro a quale fascia di popolazione è destinata questa iniziativa: figli di italiani o di extracomunitari? Si, perchè non vorrei sembrare cinica ma vorrei essere sicura di aiutare famiglie italiane. Mi pare che siamo fin troppo “accoglienti” e disponibili verso gli extracomunitari a scapito dei nostri connazionali in difficoltà e che, per i bambini non italiani, l’adozione a distanza sia già un ottimo strumento. Va bene aiutare questi bambini a casa loro, ma non va bene farli venire qui e poi doversene fare carico.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 9 votes)
  3. Angela ha detto:

    Vorrei aiutare una famiglia con bimbi……abito in Toscana in provincia di Pistoia……mandatemi via mail tutte le informazioni necessarie.Grazie.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  4. adriana ha detto:

    sono felice di vedere che finalmente si aiutano i nostri bimbi, sono d’accordo che ci siano tanti piccini all’estero bisognosi, purtroppo il sempre pensare agli altri, come grande popolo quale siamo ha fatto si che non ci si accorgesse delle problematiche di bimbi famiglie che attraversano grandi difficoltà, io aiuterei tutto il mondo potessi, ma sono invalida con una pensione da miseria, però voglio aiutare i nostri figli il nostro futuro fiduciosa che dando in piccola parte un contributo una goccia dopo l’altra forse chissà il mondo sarà migliore, pertanto gradirei ricevere Vs gradite informazioni tramite mail. distinti saluti

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
  5. gloria ha detto:

    Sono d’accordo con gli aiuti specialmente se si tratta di minori in difficoltà, però vorrei sapere esattamente a chi vanno questi soldi e come si fa ad avere la sicurezza che arrivino a destinazione.

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: +1 (from 1 vote)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Informativa art. 13 D.lgs 196/2003

I dati personali sopra riportati direttamente dall’utente, saranno trattati nel rispetto del D.lgs 196/2003 da SOS Villaggi dei Bambini Onlus, titolare del trattamento, al fine di permettere la gestione dei commenti (ad esempio per consentire la pubblicazione di un commento oppure ricevere la notifica di pubblicazione di un post di risposta o correlato).
L'indirizzo mail indicato consente pertanto di inviare commenti ed essere ricontattati ma anche eventualmente di essere aggiornati su ulteriori news o iniziative pertinenti all’area di interesse. Previo consenso facoltativo, i dati potranno essere utilizzati per l’invio di newsletter e di altre eventuali comunicazioni/materiali/informazioni legate ed inerenti i servizi e le attività dell’associazione. I dati, sottoposti ad idonee misure di sicurezza, saranno trattati, manualmente ed elettronicamente, da incaricati dell’associazione e da responsabili preposti a servizi connessi a quanto sopra, ad esempio addetti all’amministrazione, alla gestione dei rapporti con i sostenitori e alla comunicazione.
I dati potranno essere eventualmente comunicati a terzi nei limiti strettamente pertinenti alle finalità indicate. In qualsiasi momento è possibile esercitare i diritti di cui all’art.7, ad esempio la rettifica o l’aggiornamento, scrivendo a privacy@sositalia.it o a SOS Villaggi dei Bambini, Via Durazzo, 5 – 20134 Milano
Per maggiori informazioni si rimanda all’informativa completa al seguente link: Informativa privacy completa