5 per mille alle associazioni Onlus 2013 / 2014

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 2.7/5 (3 votes cast)

Adozione a distanza

Il 5 per mille (scritto anche come “cinque per mille” o “5 x 1000“) è la scelta con cui un cittadino decide di devolvere parte della propria IRPEF (il 5%) nella dichiarazione dei redditi a un ente o associazione onlus e non-profit che svolge attività di solidarietà sociale.

La caratteristica principale del 5 mille è la possibilità data ai cittadini che pagano le tasse di sostenere una associazione senza spendere nulla in più, poiché la donazione deriva direttamente dalle imposte che già si versano allo stato.

Esempio di compilazione 5 per Mille a una associazione Onlus

Esempio di 5 per mille per l’associazione SOS Villaggi dei Bambini Onlus

Come possiamo leggere su Wikipedia, esistono diversi enti a cui è possibile devolvere il 5 x 1000 dell’imposta sul reddito delle persone fisiche:

  • Enti di volontariato, Onlus e associazioni di promozione sociale
  • Enti di attività sociali svolte dal Comune di residenza
  • Enti di ricerca sanitaria
  • Enti di ricerca scientifica o delle Università

Scegliere il 5 x 1000 come aiuto alle adozioni a distanza

In generale la maggior parte delle associazioni onlus e noprofit che si occupano di adozione a distanza in Italia, sono anche enti a cui è possibile donare il proprio 5 permille. Oltre a poter fare la detrazione della vostra adozione a distanza dal modello 730, è quindi una bella idea quella di donare anche il 5permille all’associazione che state sostenendo.

5 x 1000 associazioni onlus

Con il nostro 5 x 1000 possiamo aiutare i bambini senza spendere nulla

Dove trovare il codice fiscale dell’associazione per il 5 x 1000?

Nella lista di associazioni onlus e noprofit che in Italia si occupano di adozione a distanza, potete anche trovare i link da cui recuperare tutte le informazioni necessarie, l’elenco 5 per mille e i numeri dei codici fiscali relativi, da inserire nella vostra dichiarazione dei redditi.

Spedizione del modulo 5 per mille?

Una volta compilato e firmato il modulo CUD / 730 con la scelta del 5 x 1000 e 8 x 1000, potete presentarlo in busta chiusa a uno sportello di un ufficio postale. Il servizio è gratuito. La busta da utilizzare per la presentazione della scheda deve recare l’indicazione “SCELTA PER LA DESTINAZIONE DELL’OTTO E DEL CINQUE PER MILLE”, il codice fiscale, il cognome e nome del contribuente.

Come devolvere il 5x 1000 a una associazione che si occupa di adozione a distanza?

È sufficiente scrivere il codice fiscale dell’associazione nella pagina dedicata sul CUD 2011 del 2012, del modello 730 / 2009 redditi o del Modello Unico Persone Fisiche 2011 e firmare nell’apposito spazio.

Naturalmente potete scegliere di devolvere allo stesso tempo sia il 5 per mille che l’8 per mille, siccome le due scelte non si annullano a vicenda!

Il Modello CUD 730 / 2012

Il Modello 730 / 2012

Da quando e quanto tempo devono aspettare gli enti?

Grazie ai commi 337-340 della legge finanziaria numero 266 del 23 dicembre 2005, nel 2006 per la prima volta è stato possibile scegliere di devolvere il cinquepermille agli enti di utilità sociale, per un totale di circa 328 milioni di euro devoluti.

Purtroppo i fondi raccolti con il 5 x 1000 non vengono versati immediatamente e le associazioni devono aspettare una media di 2 anni prima di ricevere questi soldi dallo stato (ad esempio il 5 per mille raccolto nel 2009 è stato versato a fine 2011).

8 per mille e 5 per mille? Che differenza c’è?

Le due scelte sono differenti e non si eliminano a vicenda, infatti il 5×100 è devoluto agli enti che si occupano di attività di sociali, mentre l’8×1000 può essere devoluto a 6 confessioni religiose o allo stato. Potete quindi scegliere a chi donare il vostro 5 per mille e in più anche scegliere a chi donare il vostro 8 per mille.

Quanti fondi possono andare agli enti con il 5×1000?

Nel dicembre del 2010 il governo aveva ridotto i fondi del 5 per mille destinati agli enti di utilità sociale da 400 milioni di euro a soli 100 milioni di euro, mentre gli altri 300 milioni di euro sarebbero stati trattenuti dallo stato. Questo avrebbe colpito duramente quegli enti onlus e noprofit che riescono a raccogliere fondi aggiuntivi per le loro attività sociali proprio grazie al cinque per mille.

Fortunatamente dopo una forte protesta da parte dei cittadini e dell’intero terzo settore, con il Decreto Milleproroghe è stato ripristinato l’importo previsto di 400 milioni di euro. Nel particolare, la donazione media di ogni cittadino che decide di devolvere il 5 per mille, è di circa 25 euro a persona.

Tutte le somme devolute vengono poi verificate attraverso un rendiconto stilato dagli enti, che devono dimostrare come le donazioni siano state impiegate socialmente.

Se hai altre domande o curiosità sull’adozione a distanza, puoi ricevere maggiori informazioni!

Per maggiori informazioni, modelli cinque per mille e istruzioni su come compilare i moduli 730 / CUD:

Adozione a distanza

Video sul 5 x 1000 da Youtube:

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 2.7/5 (3 votes cast)
5 per mille alle associazioni Onlus 2013 / 2014, 2.7 out of 5 based on 3 ratings

Articolo scritto da il .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Informativa art. 13 D.lgs 196/2003

I dati personali sopra riportati direttamente dall’utente, saranno trattati nel rispetto del D.lgs 196/2003 da SOS Villaggi dei Bambini Onlus, titolare del trattamento, al fine di permettere la gestione dei commenti (ad esempio per consentire la pubblicazione di un commento oppure ricevere la notifica di pubblicazione di un post di risposta o correlato).
L'indirizzo mail indicato consente pertanto di inviare commenti ed essere ricontattati ma anche eventualmente di essere aggiornati su ulteriori news o iniziative pertinenti all’area di interesse. Previo consenso facoltativo, i dati potranno essere utilizzati per l’invio di newsletter e di altre eventuali comunicazioni/materiali/informazioni legate ed inerenti i servizi e le attività dell’associazione. I dati, sottoposti ad idonee misure di sicurezza, saranno trattati, manualmente ed elettronicamente, da incaricati dell’associazione e da responsabili preposti a servizi connessi a quanto sopra, ad esempio addetti all’amministrazione, alla gestione dei rapporti con i sostenitori e alla comunicazione.
I dati potranno essere eventualmente comunicati a terzi nei limiti strettamente pertinenti alle finalità indicate. In qualsiasi momento è possibile esercitare i diritti di cui all’art.7, ad esempio la rettifica o l’aggiornamento, scrivendo a privacy@sositalia.it o a SOS Villaggi dei Bambini, Via Durazzo, 5 – 20134 Milano
Per maggiori informazioni si rimanda all’informativa completa al seguente link: Informativa privacy completa