Adozioni a Distanza di Bambini Italiani? Ecco come

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (3 votes cast)

Adozione a distanza

La crisi continua nel 2014 a fare paura e mentre l’aumento dell’Iva è ormai una realtà, le tasche degli Italiani potrebbero presto trovarsi a fronteggiare una nuova minaccia: il ritorno dell’Imu. Le conseguenze sono già prevedibili: le famiglie saranno sempre più povere e sempre più bambini italiani si troveranno a vivere in condizioni di estrema fragilità.

adozioni a distanza di bambini italiani

Foto dall’archivio di SOS Villaggi dei Bambini Onlus

Davanti a uno scenario simile e tutt’altro che incoraggiante, in tanti chiedono di poter adottare a distanza bambini italiani. Basta fare una ricerca, per entrare in contatto con diverse realtà religiose e non che consentono di dare il proprio sostegno a chi vive in altri continenti, ma è possibile fare lo stesso con i bambini italiani?

La risposta è “sì”, ma occorre fare alcune precisazioni.

Aiutare i bambini italiani è possibile?
Sì, ma non chiamatela Adozione a distanza

In primo luogo, infatti, bisogna ricordare che l’adozione a distanza è per definizione una forma di sostegno rivolta a bambini stranieri, con la quale è possibile aiutare loro, le rispettive famiglie e anche le comunità in cui vivono.

Questo, fortunatamente, non significa che non sia possibile anche aiutare in qualche modo i bambini italiani. Alcune associazioni noprofit, infatti, operano non solo lontano dal nostro paese, ma anche in patria attraverso dei centri specializzati. I bambini italiani quindi possono essere aiutati e ricevere lo stesso tipo di sostegno dei bambini adottati a distanza in Africa, in Asia o nell’Europa dell’Est, l’unica differenza è che non si parlerà di “adozione a distanza”.

Le principali motivazioni sono due: in primis, nel 2014 in Italia le attuali leggi a tutela dei minori e della loro privacy impediscono di poter raccontare le loro storie e di presentarli così come si farebbe con i bambini sostenuti a distanza in altri paesi. In secondo luogo, la permanenza del singolo ragazzo all’interno dei centri delle varie associazioni cambia a seconda della sua situazione: può durare alcuni mesi così come per anni. Questi fattori renderebbero molto difficile, da parte dei sostenitori, essere messi al corrente dei progressi e dei miglioramenti fatti da un eventuale bambino italiano adottato a distanza.

Come aiutare i bambini italiani?

Per tutti questi motivi, quindi, per aiutare i bambini italiani in difficoltà non si può ricorrere all’adozione a distanza. Ciò nonostante, molte associazioni consentono di sostenere a distanza i vari centri operativi in Italia, o un gruppo di bambini.

adozioni a distanza bambini italiani

Foto dall’archivio di SOS Villaggi dei Bambini

1) Aiutare i Bambini: È questo il caso dell’associazione “Aiutare i Bambini” che, oltre alle adozioni a distanza tradizionali, ha attivato un servizio di “adozione in vicinanza”, tramite il quale consente di sostenere un gruppo di bambini tramite un contributo di 15 euro mensili. Col ricavato, alcuni asili nido e spazi gioco sparsi per tutta l’Italia avranno a disposizione un fondo per la gestione dei casi più delicati.

2) Amici dei Bambini: Anche Amici dei Bambini offre a chiunque lo desideri la possibilità di aiutare i bambini italiani. Il progetto “La carezza della famiglia”, infatti, è stato pensato per aiutare i bambini in difficoltà o che vivono condizioni di disagio familiare in Italia. Il programma, piuttosto articolato, comprende sia l’affido (ovvero l’inserimento di un bambino in famiglie “temporanee” in attesa che venga trovata una vera famiglia adottiva) sia una rete di case famiglia, centri servizi, comunità mamma-bambino e appartamenti per gruppi chiamata “Pan di Zucchero”.

3) SOS Villaggi dei Bambini: Infine, anche SOS Villaggi dei Bambini è una realtà che da 60 anni opera non solo all’estero, ma anche in Italia tramite alcuni centri specializzati, ovvero i Villaggi SOS che si trovano a Mantova, Morosolo, Ostuni, Roma, Saronno, Trento e Vicenza. All’interno di ogni struttura, i bambini troveranno non solo un ambiente accogliente, ma anche un’educatrice residenziale (la Mamma SOS), una sorta di madre per vocazione, la figura più importante per i villaggi, che segue i bambini durante la loro crescita fornendo affetto, stabilità e sicurezza. Per dare il proprio sostegno, in questo caso è sufficiente aderire al programma “Amico SOS“, il contributo è di 15 euro mensili.

Adozione a distanza

Per maggiori informazioni e approfondimenti:

Ultime Notizie dall’Italia da Google News:

Aggiornamenti in tempo reale sui bambini italiani da Twitter:


Video su storie di bambini italiani:

Sommario
Titolo
Adozioni a Distanza di Bambini Italiani? Ecco come
Autore
Descrizione
è possibile adottare a distanza dei bambini in Italia? Non proprio: ecco come aiutare i bambini poveri in Italia con sicurezza, ma non chiamatele adozioni.
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 5.0/5 (3 votes cast)
Adozioni a Distanza di Bambini Italiani? Ecco come, 5.0 out of 5 based on 3 ratings

Articolo scritto da il .

4 Responses

  1. gentjan ha detto:

    sono emigrante da albania non lo so ma e una vergonia che non possiamo fare qualcosa per i bambini in italia

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    • Luca Taborelli ha detto:

      Fortunatamente ci sono tante associazioni che aiutano i bambini italiani! Nell’articolo qui sopra trovi i contatti e le informazioni principali di alcuni di questi metodi di sostegno, anche se come abbiamo scritto non è corretto chiamarla adozione a distanza :)

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: +1 (from 1 vote)
  2. Tarcisio ha detto:

    Io vorrei aiutare i bambini italiani, ne ho già all’estero chi mi da degli indirizzi o mi consiglia ciao grazie .

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)
    • Luca Taborelli ha detto:

      Ciao Tarcisio, puoi leggere la pagina qui sopra per tutte le informazioni e i link di approfondimento che ti servono per aiutare i bambini in Italia con questa forma di donazione continuativa :)

      VN:F [1.9.22_1171]
      Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Informativa art. 13 D.lgs 196/2003

I dati personali sopra riportati direttamente dall’utente, saranno trattati nel rispetto del D.lgs 196/2003 da SOS Villaggi dei Bambini Onlus, titolare del trattamento, al fine di permettere la gestione dei commenti (ad esempio per consentire la pubblicazione di un commento oppure ricevere la notifica di pubblicazione di un post di risposta o correlato).
L'indirizzo mail indicato consente pertanto di inviare commenti ed essere ricontattati ma anche eventualmente di essere aggiornati su ulteriori news o iniziative pertinenti all’area di interesse. Previo consenso facoltativo, i dati potranno essere utilizzati per l’invio di newsletter e di altre eventuali comunicazioni/materiali/informazioni legate ed inerenti i servizi e le attività dell’associazione. I dati, sottoposti ad idonee misure di sicurezza, saranno trattati, manualmente ed elettronicamente, da incaricati dell’associazione e da responsabili preposti a servizi connessi a quanto sopra, ad esempio addetti all’amministrazione, alla gestione dei rapporti con i sostenitori e alla comunicazione.
I dati potranno essere eventualmente comunicati a terzi nei limiti strettamente pertinenti alle finalità indicate. In qualsiasi momento è possibile esercitare i diritti di cui all’art.7, ad esempio la rettifica o l’aggiornamento, scrivendo a privacy@sositalia.it o a SOS Villaggi dei Bambini, Via Durazzo, 5 – 20134 Milano
Per maggiori informazioni si rimanda all’informativa completa al seguente link: Informativa privacy completa