Adozione a distanza in Thailandia

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 3.5/5 (2 votes cast)

Perché adottare a distanza un bambino della Thailandia?

L’adozione a distanza è una scelta importante perché permette di aiutare bambini e adulti che vivono in paesi in cui le condizioni di vita sono molto difficili. Con il sostegno a distanza, le azioni di volontariato e il lavoro delle associazioni onlus e no profit attive in Thailandia, possiamo cambiare il presente e il futuro di bambini, uomini e donne di questa nazione dell’Asia.

Adozione a distanza in Thailandia

Foto di un bambino della Thailandia dall’archivio di SOS Villaggi dei Bambini Onlus

La storia e la situazione attuale della Thailandia

La storia della Thailandia risale secondo le testimonianze archeologiche a circa 40.000 anni fa, l’era del Paleolitico. La popolazione proveniva dalle terre confinanti, in particolare dall’India e dalla Cambogia. La dinastia Thai, da cui prende nome lo stato, risale a circa 2.000 anni fa e pur avendo vissuto fasi alterne di reggenza rappresenta l’origine vera e propria della cultura thailandese. La religione predominante è il buddhismo che si affermò intorno al 1400 d.C. nella forma del Buddhismo Theravada.

Tra il 1400 e il 1700 d.C. in Thailandia si sono susseguiti il dominio birmano e quello siamese (dal nome antico della Thailandia, Siam). Attualmente vige la monarchia costituzionale guidata da Rama IX, discendente della dinastia Chakri, che assunse il dominio del paese nel 1782 con Chao Phraya Chakri fondatore del regno di Rattanakosin. Egli spostò nel piccolo villaggio di Bangkok la capitale, e lo trasformò in una sontuosa città, instaurò la monarchia assoluta e promosse la riorganizzazione dello Stato e la rinascita della cultura Thai.

Durante gli anni della colonizzazione europea tra gli stati di quest’area dell’Asia solo la Thailandia rimase immune all’ondata migratoria finché nel 1826 la Gran Bretagna non ottenne il parziale controllo del Thailandia, allora Siam, che riuscì a mantenersi indipendente cedendo numerosi stati a Francia e Gran Bretagna. La monarchia divenne costituzionale nel 1932 e da Siam cambiò il nome in Thailandia che vuol direTerra degli uomini liberi“. Partecipò alla seconda guerra mondiale e nel 1940 intraprese la guerra franco-thailandese contro l’Indocina francese che si concluse con la riconquista di territori precedentemente ceduti alla Francia. Poiché però il Giappone suo alleato fu sconfitto durante la guerra mondiale, dovette cederli nuovamente.

Negli ultimi anni la situazione politica è stata molto instabile. Dal 2001 il paese ha vissuto la tensione degli scontri tra i conservatori e i sostenitori del nuovo governo eletto all’epoca, conclusosi con il colpo di stato militare del 2006. L’anno successivo vinse alle elezioni il partito di Somchai Wongsawat ma poiché pare che la votazione fu truccata, seguirono gravi disordini finché nel 2008 i brogli furono accertati e il partito fu sciolto. Il potere è passato nelle mani di una oligarchia militare ma il Fronte democratico di unità nazionale contro la dittatura non si arrende e questo è causa di scontri continui e dure repressioni militari, spesso sanguinose. Dopo le elezioni del 2011 ha vinto il partito di opposizione Pheu Thai Party guidato da Yingluck Shinawatra, nuovo Primo Ministro ed è a capo di un governo di coalizione.

Adottare un bambino della Thailandia

Foto di bambini della Thailandia dall’archivio di SOS Villaggi dei Bambini Onlus

I bambini in Thailandia

Il 26 dicembre 2004 un terremoto con epicentro a Sumatra, in Indonesia, raggiunse anche la Thailandia con un violento tsunami causando oltre 5000 vittime. I continui scontri e le tensioni politiche interne hanno provocato negli ultimi anni centinaia di vittime tra i civili, anche i bambini. In aggiunta a questi eventi la Thailandia presta scarsa attenzione ai diritti dei minori, spesso vittime del commercio a sfondo sessuale e di prostituzione, nonostante si tratti di un reato punibile fino a sei anni di carcere e nonostante qui viga ancora al pena di morte. Nel paese inoltre sono molto diffuse l’HIV e altre malattie epidemiche.

Come aiutare i bambini della Thailandia?

Le calamità naturali che spesso colpiscono la zona, i continui scontri e la scarsa attenzione per l’infanzia fanno sì che la vita di tanti bambini thailandesi sia continuamente a rischio, motivo per cui un utile modo per aiutarli è accoglierli in centri d’assistenza sicuri come i Villaggi e le Case SOS, nei quali possano essere salvati dai pericoli di una guerriglia urbana tanto sanguinaria ed accuditi come in una famiglia. Per questo motivo numerose associazioni onlus e nonprofit sono impegnate da tempo nel paese, portando avanti programmi di sviluppo sociale e adozioni a distanza, attraverso cui sostenere bambini e comunità, fornire cure, cibo, acqua e tutto ciò di cui hanno bisogno.

Adozione a distanza in Thailandia

Cosa puoi fare per i bambini e le comunità della Thailandia? Se vuoi fare una adozione a distanza ti consigliamo prima di tutto di informarti su come funziona il sostegno a distanza e leggere tutti i consigli per evitare le truffe e per attivare un’adozione sicura. Potrai così scegliere con tutta sicurezza l’associazione onlus / no-profit attiva in Thailandia che più si avvicina alle tue aspettative. Solo con consapevolezza e dedicando il tempo necessario per conoscere l’adozione a distanza, potrai aiutare concretamente un bambino e la sua comunità.

Associazioni con cui adottare a distanza in Thailandia:

Adozione a distanza

Ultime Notizie e aggiornamenti sulla Thailandia:

Approfondimenti sulla situazione in Thailandia:

Mappa della Thailandia da Google Maps:

Come possiamo leggere da Wikipedia la Thailandia è uno stato del sud-est dell’Asia e confina con Laos e Cambogia a est, Malesia e a nord e a ovest con il Myanmar. È bagnata dal mare delle Andamane e dal mare della Cina del Sud.


Visualizzazione ingrandita della mappa

Video sui bambini della Thailandia da Youtube:

Molte associazioni onlus e noprofit che si occupano di adozioni a distanza in Thailandia hanno realizzato dei video per mostrare la situazione dei bambini del paese e le loro attività a sostegno della popolazione thailandese. Qui sotto potete vedere alcuni filmati relativi alla Thailandia presi da Youtube.

Temperature medie e meteo in Thailandia:

Poiché il territorio thailandese si estende verticalmente lungo un meridiano è possibile individuare diversi microclimi. Le temperature sono molto variabili in base alla zona. Fa più freddo da metà ottobre a gennaio al nord centro e est, mentre fa più caldo da febbraio ad aprile. Da giugno a ottobre è la stagione delle piogge. La Thailandia meridionale è spesso colpita da cicloni.



VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 3.5/5 (2 votes cast)
Adozione a distanza in Thailandia, 3.5 out of 5 based on 2 ratings

Articolo scritto da il .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Informativa art. 13 D.lgs 196/2003

I dati personali sopra riportati direttamente dall’utente, saranno trattati nel rispetto del D.lgs 196/2003 da SOS Villaggi dei Bambini Onlus, titolare del trattamento, al fine di permettere la gestione dei commenti (ad esempio per consentire la pubblicazione di un commento oppure ricevere la notifica di pubblicazione di un post di risposta o correlato).
L'indirizzo mail indicato consente pertanto di inviare commenti ed essere ricontattati ma anche eventualmente di essere aggiornati su ulteriori news o iniziative pertinenti all’area di interesse. Previo consenso facoltativo, i dati potranno essere utilizzati per l’invio di newsletter e di altre eventuali comunicazioni/materiali/informazioni legate ed inerenti i servizi e le attività dell’associazione. I dati, sottoposti ad idonee misure di sicurezza, saranno trattati, manualmente ed elettronicamente, da incaricati dell’associazione e da responsabili preposti a servizi connessi a quanto sopra, ad esempio addetti all’amministrazione, alla gestione dei rapporti con i sostenitori e alla comunicazione.
I dati potranno essere eventualmente comunicati a terzi nei limiti strettamente pertinenti alle finalità indicate. In qualsiasi momento è possibile esercitare i diritti di cui all’art.7, ad esempio la rettifica o l’aggiornamento, scrivendo a privacy@sositalia.it o a SOS Villaggi dei Bambini, Via Durazzo, 5 – 20134 Milano
Per maggiori informazioni si rimanda all’informativa completa al seguente link: Informativa privacy completa