Il razzismo spiegato a mia figlia e mio figlio… adottivi

You may also like...

1 Response

  1. franca ha detto:

    Buongiorno,
    sono la mamma di una bambina adottata. È arrivata in Italia dal mali quando aveva 1 anno.
    Mia figlia si è sempre sentita accettata da tutti i suoi compagni anche se spesso ai pranzi di classe sentivo commenti da parte dei genitori sugli immigrati a sfondo razzista. (una mamma in particolare, davanti a me, raccontava che stava aspettando suo figlio maggiore davanti alla fermata dell’autobus e si è chiusa in macchina e allontanata perché c’era uno di quelli di colore e lei aveva paura. Ma questo è il mondo che ci circonda e ho sempre cercato di proteggere mia figlia da queste cose.
    Certo lei spesso mi fa domande sul colore della sua pelle diversa dalla mia e sul perché si parla male degli immigrati e in particolar modo dei neri.
    Fino al mese scorso nulla di grave. Tutto molto gestibile.
    Ma circa una 20 gg fa la bambina dice al padre che non vuole andare a scuola, premetto che mia figlia solare come sempre la mattina la sveglio e in 7 anni non mi ha mai detto non voglio andare all’asilo o a scuola anzi ci va allegramente e con molto entusiasmo.
    Quella mattina dice che non vuole. Quando il padre le chiede il perché lei dice: perché io puzzo.
    Non perché è mia figlia ma i miei parenti, io e gli amici veri quando la abbracciamo sentiamo sempre un profumo buonissimo sui suoi capelli. Per non parlare del fatto che tutte le mattine si fa la doccia. Fosse stata anche solo in parte vera questa cosa forse potevo immaginare che era una ragazzata (poi vi spiego l’uso di questo termine).
    Il padre cerca di approfondire e alla fine lei dice che il suo compagno di banco più volte le dice che non vuole stare con lei accanto perché puzza.
    Il padre entra a scuola con la bambina e riferisce l’accaduto alla maestra di matematica che risponde di essere già a conoscenza della cosa dalla maestra di italiano.
    Io a questo punto chiedo aiuto a tutte le mamme dicendo che vorrei che la cosa rimanesse un caso isolato e che spero tanto che altri compagni non simulino il compagno di banco di mia figlia.
    Non vi racconto cosa è venuto furi da questa mia richiesta perché è talmente triste che mi viene da piangere. I genitori del bambino in questione hanno giustificato la cosa come schiettezza dei bambini di 8 anni. Quindi da giustificare.
    Mia figlia in prima elementare ha dovuto anche sopportate la separazione mia dal suo papà. Ha avuto un periodo in cui ha sofferto molto per la paura di abbandono anche da parte mia quando ha visto che il padre andava ad abitare in un’altra casa. Per fortuna abbiamo un rapporto civile e continua a vederla tutti i giorni e partecipa alla sua vita in tutto. Questo lo abbiamo fatto e facciamo per lei.
    Abbiamo chiesto anche il sostegno di una brava psicologa che ci ha aiutate in questa fase.
    Beh dopo 20 giorni dall’accaduto della puzza le maestre ci convocano a entrambi i genitori. Io ero convinta che l’argomento fosse: 1)come sta la bambina, se ha superato il disagio e 2) abbiamo fatto delle azioni per evitare che queste cose accadano ancora.
    Invece il giorno prima di questo incontro mi chiama la rappresentante di classe dicendomi che voleva informarmi del fatto che le maestre sono molto arrabbiate con noi perché abbiamo chiesto aiuto alle altre mamme, che in un centro così piccolo non si possono mettere in piazza certe situazioni successe a scuola e che loro non vogliono essere coinvolte nelle nostre discussioni con le altre mamme. Ma soprattutto che la cosa è una RAGAZZATA.
    Il loro problema non è di vedere se la bambina ha superato la cosa e informarci del fatto che la scuola ci aiuterà in questo ma lamentarsi del nostro operato fuori dall’ambito scolastico di una cosa successa a scuola.

    Lunedì andrò a sentire cosa mi diranno e vorrei che qualcuno mi consigliasse cosa fare.
    Come comportarmi se quello che mi ha riferito la rappresentante di classe è vero e cioè che il loro problema è non coinvolgerle in tutto questo.
    Grazie
    Franca

    VA:F [1.9.22_1171]
    Rating: 0 (from 0 votes)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Privacy Informativa art. 13 D.lgs 196/2003

I dati personali sopra riportati direttamente dall’utente, saranno trattati nel rispetto del D.lgs 196/2003 da SOS Villaggi dei Bambini Onlus, titolare del trattamento, al fine di permettere la gestione dei commenti (ad esempio per consentire la pubblicazione di un commento oppure ricevere la notifica di pubblicazione di un post di risposta o correlato).
L'indirizzo mail indicato consente pertanto di inviare commenti ed essere ricontattati ma anche eventualmente di essere aggiornati su ulteriori news o iniziative pertinenti all’area di interesse. Previo consenso facoltativo, i dati potranno essere utilizzati per l’invio di newsletter e di altre eventuali comunicazioni/materiali/informazioni legate ed inerenti i servizi e le attività dell’associazione. I dati, sottoposti ad idonee misure di sicurezza, saranno trattati, manualmente ed elettronicamente, da incaricati dell’associazione e da responsabili preposti a servizi connessi a quanto sopra, ad esempio addetti all’amministrazione, alla gestione dei rapporti con i sostenitori e alla comunicazione.
I dati potranno essere eventualmente comunicati a terzi nei limiti strettamente pertinenti alle finalità indicate. In qualsiasi momento è possibile esercitare i diritti di cui all’art.7, ad esempio la rettifica o l’aggiornamento, scrivendo a privacy@sositalia.it o a SOS Villaggi dei Bambini, Via Durazzo, 5 – 20134 Milano
Per maggiori informazioni si rimanda all’informativa completa al seguente link: Informativa privacy completa